Articoli

Un viaggio itinerante nella mente geniale di William Shakespeare

Nel sottosuolo partenopeo della Galleria Borbonica
l’omaggio de “Il Demiurgo” al grande drammaturgo britannico

Venerdì e Sabato 26 e 27 Maggio ore 19.30 e 21
Galleria Borbonica
Via Domenico Morelli, Napoli

 

Un omaggio al genio creativo di William Shakespeare nei meandri del sottosuolo partenopeo della Galleria Borbonica. È una delle idee di maggiore successo de “Il Demiurgo”, ormai una delle compagnie teatrali italiane più apprezzate nella narrazione teatrale nei siti culturali che rivivono ogni volta con nuove storie che raccontano la storia. In questo caso la storia del teatro perché dallo scorso anno, in occasione del quattrocentesimo anniversario della scomparsa del grande drammaturgo britannico (1616 - 2016), “Il Demiurgo” sta portando in giro uno spettacolo inedito tutto dedicato alla vena teatrale di Shakespeare. Si tratta di “SHAK: William Shakespeare e lo Shock della creazione”, uno spettacolo con una struttura comica e leggera, ma una profonda riflessione psicanalitica, che mette in scena tutta la creatività del genio di Shakespeare. Venerdì e sabato 26 e 27 Maggio (ogni giorno con due repliche alle 19.30 e alle 21) SHAK ritorna nel suggestivo scenario della Galleria Borbonica di Napoli (15 euro il costo del biglietto, ingresso da via Domenico Morelli, informazioni e prenotazioni su www.ildemiurgo.it).

“Lo spettacolo - spiega il regista Francescoantonio Nappi -  è concepito come un omaggio al genio di William Shakespeare, ma è anche una riflessione attualissima sul ruolo del teatro, sulla sua potenza espressiva, su quanto incida sulla società e su quanto da essa venga influenzato”. Non è uno spettacolo ancorato fedelmente alla biografia di Shakespeare ed anzi l’intreccio narrativo ruota attorno ad un episodio mai avvenuto nella realtà: un riadattamento, ad anni di distanza, del Riccardo III, ripresentato in forma diversa e destinato a far discutere. Tra dubbi e perplessità Shakespeare, interpretato da Franco Nappi, e i suoi compagni di ventura, gli attori Paul e Larry (messi in scena da Davide Mazzella e Luigi Credendino) cominciano a lavorare a questo nuovo progetto. Da qui parte una storia inedita, raccontata in maniera attuale, agile, divertente e leggera.

“Questo spettacolo un esperimento - spiega Nappi - che diverte tantissimo i cultori di Shakespeare e nel contempo emoziona tutti gli altri spettatori perché la nostra operazione ambiziosa non si esaurisce nel citazionismo fine a se stesso ma porta avanti la nostra idea di un teatro che vive di storie e di emozioni”. Proprio per questo è uno spettacolo ricco di spunti interessanti per appassionati e cultori del teatro: aneddoti, curiosità, stranezze del personaggio, del mestiere, del mondo e del tempo di Shakespeare vengono portati in scena in un avventuroso viaggio nella mente di un genio. E così la messa in scena dello spettacolo diventa un interessante spunto narrativo per discutere, tra il serio e il faceto, di teatro e di vita, per liberare la follia e la creatività degli attori, per rivivere alcune delle scene più note ed amate dell'universo shakespeariano.

La struttura narrativa itinerante si snoda in quest’occasione all’interno della Galleria Borbonica di Napoli: il più affascinante percorso del circuito della Napoli sotterranea, il grande vanto dell'ingegneria civile borbonica. “Questo luogo incredibilmente evocativo dal punto di vista storico ed estetico - evidenzia Francescoantonio Nappi - risulta un elemento essenziale della narrazione, perché come accade negli spettacoli de “Il Demiurgo” o c’è la storia di quei luoghi che prende corpo e viene raccontata oppure è la loro suggestione a diventare parte integrante dello spettacolo e così un luogo come la Galleria Borbonica capace di ricordare e suscitare le emozioni forti della storia ci è sembrato lo scenario ideale di uno spettacolo che punta tutto sulle emozioni della mente e della storia del teatro”
Info e Calendario completo degli spettacoli

Tel. 331-3169215  - 3662080108
Mail: info.demiurgo@gmail.com
Sito web: www.ildemiurgo.it
Facebook: www.facebook.com/ildemiurgo1
Twitter: @ILDEMIURGO1
You Tube: www.youtube.com/channel/UC6z32AotEJLM4vhtSz5VSYA
Ufficio Stampa

Dott. Roberto Conte
Tel. 380-7123104
Mail: roberconte@gmail.com

Archivio Storico del Banco di Napoli – Il Cartastorie

CARTE DA LEGARE

Racconti di ordinaria follia nell’Archivio storico del Banco di Napoli

 

Il Demiurgo apre il 2017 con un suggestivo esperimento narrativo. Tra le stanze che raccontano 600 anni di storia di Napoli 

Mercoledì e Giovedì 4 e 5 Gennaio ore 17 - 18.30 - 20 - 21.30 

Archivio Storico del Banco di Napoli - Via dei Tribunali 214, Napoli

Mercoledì e Giovedì 4 e 5 Gennaio (con quattro repliche al giorno ore 17 - 18.30 - 20 e 21.30) “Il Demiurgo” inaugura con “Carte da legare” il suo 2017  di narrazioni teatrali nei siti culturali.

Il primo appuntamento del nuovo anno è tra le stanze del nuovo Museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli: il Cartastorie.  14mila metri quadri, 330 stanze e 17milioni di nomi nei documenti che raccontano la storia di Napoli dal 1539 attraverso le storie dei grandi personaggi che hanno animato la città (da Caravaggio al principe di Sansevero, da San Gennaro aGiuseppe Verdi) ma anche e soprattutto attraverso le storie inedite e affascinanti di tanti sconosciuti che hanno caratterizzato le vicende storiche più importanti della città, dalla Repubblica Napoletana del 1799 alla grande stagione della musica del Settecento napoletano.

“All'interno di una scenografia fatta interamente di carta, di volumi trasudano storia e rievocano un passato fatto di numeri, cifre, storie e vite che s’intrecciano insieme e superano i secoli - anticipa il regista Francescoantonio Nappiverrà raccontata una storia che unisce quattro storie che nascono dai libri che fanno da scenografia allo spettacolo.

In quei libri, che sono cifre e carta, inchiostro e polvere, si celano storie e vite che si rianimeranno: Isabella Croys, con tutte le tinte che le colorarono la sua vita,  Filippo di Borbone, che poteva diventare re, un tenente austriaco, un criminale comune.  Vite, storie, emozioni e passioni imprigionate nella carta, ma pronte a liberarsi e a essere raccontate e noi lo faremo in un suggestivo intreccio di finzione e realtà con il filo conduttore della follia”.


L’idea dello spettacolo nasce da un progetto di collaborazione tra “Il Demiurgo” e Il Cartastorie” (15 euro il costo del biglietto e della visita) e ha preso forma grazie ai racconti di Andrea Zappulli, che da anni racconta storie ispirate ai dati e alle cifre conservate nel Museo ed ha ispirato la sceneggiatura e la regia di Andrea Cioffi e Francescoantonio Nappi.

 

Il Cartastorie - Il Museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli

Immerso nel cuore del centro storico del capoluogo campano, nelle 330 stanze del cinquecentesco palazzo Ricca e dell’attiguo palazzo Cuomo, in via dei Tribunali, a pochi metri dall’imponente struttura di Castel Capuano, l’Archivio Storico del Banco di Napoli custodisce al suo interno la plurisecolare (dal 1539) documentazione riguardante l’attività degli antichi banchi della città. Si tratta dell’archivio storico bancario più importante al mondo, che può vantare documenti contabili rarissimi (bancali) risalenti alla seconda metà del ’500.

Le fedi di credito (bancali), antenate dei moderni assegni circolari, i grandi Libri Maggiori, registri dei movimenti, e gli elenchi dei clienti dei banchi, disegnano un resoconto non solo economico della Napoli antica e offrono un impressionante panorama della città, dalla sua travagliata esistenza sotto il Viceregno spagnolo fino alle più recenti vicende della storia contemporanea. L’assoluta particolarità di questa sconfinata documentazione economica risiede nella chiarezza e nella completezza di quelle che oggi si chiamerebbero “causali di pagamento” che specificano

dettagliatamente il motivo dell’avvenuto pagamento. In questo modo, notizie inedite di opere realizzate da illustri artisti, insoliti aspetti dell’economia quotidiana e centinaia di migliaia di storie personali, celebri o ignote, si sono preservati attraverso i secoli.

 

Info e Prenotazioni:

Tel. 331-3169215 - 366-2080108
Mail: info.demiurgo@gmail.com 

www.ildemiurgo.it

www.facebook.com/ildemiurgo1

Twitter: @ILDEMIURGO1

Ufficio Stampa

Dott. Roberto Conte

Tel. 380-7123104

Mail: robertoconte8@libero.it

Un “Cattivo Natale” con il Teatro in barca alle Grotte di Pertosa

Da Mr. Scrooge a Capitan Uncino: tutti i cattivi del Natale nel nuovo spettacolo del Demiurgo

 

Venerdì 30 Dicembre ore 15.30 - 17.30 - 19.30

Il Demiurgo

Fondazione MIdA - Musei Integrati dell’Ambiente

Comunicato Stampa

 

Nel panorama degli eventi culturali campani lo speleo-teatro alle Grotte di Pertosa-Auletta nel 2016 è stato sicuramente uno di quelli di maggiore successo di pubblico e di critica. E dopo un intero anno dedicato al “Viaggo nell’Ade” di Ulisse “Il Demiurgo” Venerdì 30 Dicembre (con tre repliche: ore 15.30 - 17.30 e 19.30) chiude la stagione dello speleo-teatro a Pertosa con “Cattivo Natale”, uno spettacolo inedito tutto dedicato ai “cattivi” del Natale.

 

Uno spettacolo scritto dal fondatore de “Il Demiurgo” Francescoantonio Nappi mettendo insieme, anche con una specifica attenzione al pubblico di giovani e bambini, le manie e le stranezze di alcuni dei più famosi “cattivi”, natalizi e non: Il Grinch, Mister Scrooge e Capitan Uncino.

 

“L'idea - anticipa il regista - è quella di portare in scena uno spettacolo che sia leggero e divertente e che sappia offrire al pubblico, nel magico scenario delle Grotte di Pertosa, quel misto di ironia, comicità e magia che si tende a ricercare durante le feste natalizie”. Una metodologia narrativa che non tralascerà le riflessioni più care al “Demiurgo”. E quindi sorrisi e leggerezza serviranno, come spiega Nappi, “anche per parlare di vizi e problemi che accomunano gli uomini rendendoli simili ai personaggi in scena, dall’avidità alla solitudine”.

 

“Cattivo Natale” sarà uno spettacolo decisamente impegnativo dal punto di vista attoriale, ed è per questo che “Il Demiurgo” ha messo insieme alcuni dei suoi attori più apprezzati: Alessandro Balletta nel ruolo diJacob, Andrea Cioffi (Il Grinch), Franco Nappi (Ebenezer Scrooge), Riccardo Sergio (Capitan Uncino) e Angelo Sepe (Spugna).

 

Da un punto di vista scenico lo spettacolo si snoderà nel percorso delle Grotte, sfruttando uno scenario unico al mondo: il pubblico viaggerà in barca nel ventre della terra accompagnato, grazie al lavoro innovativo della Fondazione MIdA-Musei Integrati dell’Ambiente, da splendidi effetti visivi e da una illuminotecnica che rispetta, valorizza ed esalta la bellezza delle Grotte. “Il ‘viaggio’ - anticipa Nappi - sarà pieno di sorprese e presenterà i personaggi in una luce nuova, diversa da quella abitualmente nota, e sarà strutturato con una messa in scena molto leggera ed ironica, ma che lascerà spazio all’introspezione di personaggi estremamente interessanti, ciascuno con un suo punto di vista”.

 

La partnership con le Grotte di Pertosa-Auletta - evidenzia la co-fondatrice de “Il Demiurgo”, Emilia Esposito - rappresenta l’emblema della nostra mission: rendere gli spettacoli teatrali una grande opportunità di sviluppo economico per i territori campani fertili al turismo culturale ed è per questo che abbiamo creato attorno agli eventi nelle grotte un sistema virtuoso di interconnessioni e di collaborazione con il management alberghiero del luogo e delle zone limitrofe come Contursi Terme, o con i ristoratori che lavorano con le eccellenze enogastronomiche del territorio, affinché il nostro spettacolo teatrale e la visita alle grotte diventino lo spunto per dei percorsi turistici più ampi e di più lunga durata”.

 

Alla scoperta delle Grotte di Pertosa-Auletta: in barca tra le stalattiti e la grande novità del Museo del Suolo

Le Grotte di Pertosa-Auletta sono l’unico sito speleologico in Europa dove è possibile navigare un fiume sotterraneo addentrandosi verso il cuore di una montagna. Il fiume Negro nasce in profondità e offre un affascinante ed inconsueto viaggio in barca, immersi in un silenzio magico, interrotto soltanto dal fragore degli scrosci della cascata sotterranea. Le Grotte si estendono per circa tremila metri nel massiccio dei Monti Alburni, in un percorso ricco di concrezioni, dove stalattiti e stalagmiti decorano ogni spazio con forme, colori e dimensioni diverse, suscitando stupore ed emozione.

 

E grazie al lavoro della Fondazione MIdA-Musei Integrati dell’Ambiente oggi le Grotte di Pertosa-Auletta rappresentano un grande esempio di sito museale multimediale con la possibilità di visitare ilMuseo Speleo-Archeologico e da quest’anno la grande novità del Museo del Suolo che offrono entrambi ai turisti numerose esperienze di fruizione digitale e narrativa.

 

Info: www.grottedipertosa-auletta.it e www.fondazionemida.it

 

Info e Prenotazioni per lo spettacolo:

 

Tel. 331-3169215

Mail: info.demiurgo@gmail.com

www.ildemiurgo.com

www.facebook.com/ildemiurgo1

Twitter: @ILDEMIURGO1

 

I tre moschettieri 16-17-18 DICEMBRE 2016 Castello Lancellotti – lauro (AV)

Il 16-17-18 Dicembre Il Demiurgo, reduce da mesi di grandi successi di pubblico e critica ottenuti con Romeo e Giulietta, Shak e Ulisse in alcuni dei luoghi più belli d'Italia, dal borgo di Civita di Bagnoregio (VT), alla Reggia di Caserta, passando per l'anfiteatro Campano, le grotte di Pertosa, Villa d'Ayala-Valva, la Galeri Borbonica di Napoli... torna a casa: in quel Castello Lancellotti di Lauro (AV) dove la compagnia irpina ebbe il suo battesimo del fuoco nell'ormai lontano 2012. In scena I Tre Moschettieri, riscritto e diretto da Francescoantonio Nappi su ispirazione del celeberrimo romanzo di Alexandre Dumas

Lo spettacolo ha una struttura molto vicina a quella dei classici film di cappa e spada di ispirazione storica: azione, avventura, duelli e ironia accompagneranno il pubblico per gli 80 minuti di spettacolo. 

La Francia del 1625 e gli scontri di potere tra il Cardinale Richelieu (interpretato da Ciro Giordano Zangaro) e la Regina Anna (Marina Andeloro) fanno da sfondo alla storia di D'Artagnan (Alessandro Balletta), giovane guascone giunto a Parigi per arruolarsi nel corpo dei moschettieri, e di tre veterani che, tra mille avventure, finiranno per fargli da mentori e amici. Intrighi, tradimenti, amori proibiti e duelli all'ultimi sangue scandiranno il ritmo della piéce. 

La sfida è quella di provare a immergere il pubblico nella Francia del 1625 così come raccontata da Dumas: Una corte pronta a esplodere come una polveriera: I rapporti tesi tra i regnanti, il re Luigi XIII (Ferdinando Nappi) e la Regina Anna, con quest'ultima pronta a rifugiarsi tra le braccia dell'ambasciatore inglese:  il duca di Buckingham (Daniele Acerra), gli intrighi del cardinale Richelieu e di Milady De Winter (Lisa Imperatore),  e le prepotenze del suo braccio destro, il conte Rocheford (Roberto Ingenito). 

Un pugno di uomini sono rimasti fedeli alla corona: Constance Bonaceieux, dama di compagnia della Regina (Chiara Di Bernardo), e tre veterani del corpo dei moschettieri: Athos (Antonio D'Avino), Aramìs (Riccardo Sergio), Porthos (Angelo Sepe). Quando i loro destini si incrociano con quello di D'Artagnan gli avvenienti prendono una piega inaspettata.

Lo spettacolo, in stile itinerante, andrà in scena presso il Castello Lancellotti di Lauro (AV) con  quattro repliche al giorno ed è adatto sia a grandi che bambini.

Ingressi alle ore: 17.00/18.30/20.00/21.30 

Durata: 80minuti

I POSTI sono LIMITATI! 

INFO E PRENOTAZIONI : info.demiurgo@gmail.com  331 3169215 (10.00-13.00/16.00-20.00)

EVENTO FB: https://www.facebook.com/events/947525848714534/ 

Eventi

Nessun risultato

Spiacente, nessun articolo corrisponde ai tuoi criteri